L'amore a prima vista esiste davvero?

Secondo voi l’amore a prima vista esiste davvero oppure è solo una strana invenzione? Questo se lo sono chiesti anche un team di esperti e sono arrivati ad una conclusione davvero interessante…

Secondo Stephanie Ortigue, docente della Syracuse University (USA), sentimenti di amore possono verificarsi già 0,2 secondi dopo il primo contatto visivo con qualcuno. Secondo Ortigue, questo sentimento di amore si sviluppa in dodici aree del cervello che lavorano insieme per rilasciare sostanze chimiche che inducono euforia, un pò come la dopamina, ossitocina, adrenalina e vasopressine e può avvenire così velocemente da meritarsi la definizione di amore a prima vista.

Un’altra evidenza in favore dell’amore a prima vista arriva dal lavoro condotto da Ayala Malack-Pines, psicologa presso la Ben-Gurion University, la quale ha compilato un sondaggio che illustra come una piccola parte (circa l’11%) di coloro che sono coinvolti in relazioni a lungo termine, abbiano iniziato la loro storia d’amore a seguito di un vero e proprio colpo di fulmine.

Ayala Malack-Pines, psicologa della Ben-Gurion University in Israele, nel suo libro Falling in Love (Innamorarsi) scrive che solo una piccola frazione (11%) delle persone coinvolte in relazioni a lungo termine dichiara che il loro è stato un amore a prima vista. In pratica solo in una coppia su 10 le impressioni favorevoli iniziali innescherebbero un legame che può durare a lungo.

Certo, bisogna convenire con il fatto che la capacità di amare è un fattore biologico, ovvero un elemento inscritto nel DNA dell’uomo in quanto presente in tutte le culture e le forme di comportamento umano esistenti sulla Terra. Gli scienziati hanno così dimostrato che, quando una persona si innamora, l’azione congiunta di una dozzina di diverse parti del cervello attiva il rilascio di sostanze chimiche responsabili di sensazioni come l’euforia, l’attaccamento e l’eccitazione.

L’amore appassionato dei primi sguardi ricordiamo che è legato al circuito di ricompensa del cervello, la stessa zona che viene attivata a seguito dell’assunzione di cocaina: il desiderio e la mancanza tipici della passione amorosa hanno infatti molto in comune con la dipendenza che si sviluppa nei confronti delle sostanze stupefacenti.

LEGGI ANCHE: Non bisogna mai accontentarsi in amore?

Ecco perché l’amore a prima vista risulta duraturo solo a patto che il meccanismo cerebrale di “attaccamento a lungo termine” venga attivato in modo rapido! Tra le prove scientifiche che dimostrano l’esistenza del colpo di fulmine poi, rientra il fatto che le persone sarebbero in grado di decidere quanto attraente trovano un’altra persona nel giro di una frazione di secondo.

A confermare che l’amore a prima vista esiste davvero è proprio la scienza. Alcuni ricercatori dell’Università di Chicago hanno condotto uno studio, i cui risultati sono stati poi pubblicati sulla rivista “Psychological Science“.

La prima ipotesi avanzata dai ricercatori è stata quella della presenza di due probabili comportamenti nati dall’incontro fra due sconosciuti: l’amore o il desiderio.Queste due possibili reazioni sono strettamente connesse ad una teoria legata allo sguardo. Secondo i ricercatori infatti tutto dipende dagli occhi: se due persone, al loro primo incontro, tendono a fissarsi intensamente negli occhi, pongono le basi per un sentimento amoroso molto forte, al contrario se lo sguardo è rivolto ad altre parti del corpo, il rapporto che si instaura tra i due è dovuto alla pulsione

Un altro studio di Helen E. Fisher, ricercatrice presso l’Istituto Kinsey, pubblicato sul Journal of Physiology, afferma che l’innamoramento a prima vista non solo esiste, ma ha uno scopo ben preciso: potrebbe essere una scorciatoia per assicurarsi la prosecuzione della specie. Secondo Fisher: «Anche l’amore a prima vista è una risposta dei mammiferi che si sviluppa in altri animali e che i nostri padri ereditarono per accelerare il processo di accoppiamento».

In amore però ricordiamo che esistono due tipi di persone: 1. quelli che ci vanno con i piedi di piombo, si prendono i loro tempi, rimangono sì colpiti da una persona, ma prima di farsi prendere, si godono con calma il corteggiamento, si fanno desiderare, sono un mix di prudenza e pazienza.

E poi ci sono loro: 2. quelli che si buttano a occhi chiusi, che si fanno investire dal sentimento subito, dal primo istante già si innamorano perdutamente. Queste persone però secondo alcuni tenderebbero a soffrire per la sindrome dell’amore a prima vista, una condizione psicologica che colpisce una grande percentuale di inguaribili romantici in tutto il mondo quotidianamente, per i quali innamorarsi ogni due per tre è un evento comune.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Author: Se red

Share This Post On